#9Dicembre: #JohnCassavetes

“Most people don’t know what they want or feel. And for everyone, myself included, it’s very difficult to say what you mean when what you mean is painful. The most difficult thing in the world is to reveal yourself, to express what you have to. As an artist, I feel that we must try many things – but above all, we must dare to fail. You must have the courage to be bad, to be willing to risk everything to really express it all.”

(the one and only) JOHN CASSAVETES*

john 2

(ITA) La maggior parte delle persone non sa cosa sente e cosa vuole. Per tutti, incluso me, è difficilissimo dire cosa senti, quando quello che senti fa male. Non esiste niente di più difficile al mondo che rivelarsi, esprimere quello che devi.

Come artista sono convinto che dobbiamo provare tante cose diverse – sopra ogni altra cosa, dobbiamo osare il fallimento. Avere il coraggio di non essere bravi, ma rischiare tutto per esprimere tutto.

*JOHN CASSAVETES (New York 9 Dicembre 1929 – Los Angeles 3 Febbraio 1989) è riconosciuto come primo autentico filmaker, attore, regista, sceneggiatore e produttore indipedente nella Storia del Cinema americano. Con il supporto della moglie e musa Gena Rowlands (ma anche i grandi amici Ben Gazzara e Peter Falk) ha realizzato una serie di folgoranti sperimentazioni: Shadows (Ombre, 1960), Faces (Volti, 1968), L’assassinio di un allibratore cinese (1978), La sera della prima (1979) , Gloria (Una notte d’estate, 1980).

Principale ispirazione dei giovani Martin Scorsese e Jim Jarmush, la filmografia di John Cassavetes iniziata da un’interminabile gavetta come attore televisivo. Tra i suoi ruoli da protagonista, anche Rosemary’s baby di Roman Polanski (1968) e Gli intoccabili di Giuliano Montaldo (1969).

 

#thelovingmemory

#MZP ❤ #JohnCassavetes

#1Dicembre: Buon compleanno #WoodyAllen. Ecco 20 tra le migliori citazioni dei suoi film

1 Dicembre:

Oggi Mr. Allen compie 82 anni.

Per festeggiare il regista di Manhattan, Io e Annie, Match Point e Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso (ma non avete mai osato chiedere) – pioniere della nuova commedia americana, dello humor nero e degli scandali a sfondo sessuale, nonché autore che ormai può permettersi tutto, anche firmare brutti film – nella Photo Gallery trovate 20 tra le più folgoranti battute dei suoi film (in lingua originale).

#MZP ❤ #WoodyAllen

David Foster Wallace: Infinite Jest #22Novembre #citazioni

Che ci sono persone alle quali semplicemente non piacete, qualsiasi cosa facciate.
Che nonostante pensiate di essere furbi, non lo siete molto.
Che, con buona pace delle stronzate maschiliste, il pianto maschile in pubblico non soltanto è molto mascolino ma può anche farvi sentire bene.
Che condividere significa parlare. (…)
Che non occorre amare qualcuno per imparare da lui/lei/esso.
Che la solitudine non è una funzione di isolamento.
Che a volte agli esseri umani basta restare seduti in un posto per provare dolore.
Che la preoccupazione per ciò che gli altri pensano di voi scompare una volta che capite quanto di rado pensano a voi.
Che esiste una cosa come la cruda, incontaminata, immotivata gentilezza.
Che concentrarsi intensamente su qualcosa è un lavoro duro.
Che è semplicemente più piacevole essere felici che incazzati.
Che ci vuole un grande coraggio per mostrarsi deboli.
Che gli altri, anche se sono stupidi, riescono spesso a vedere cose di voi che voi non riuscite a vedere.
Che il possesso di molto denaro non immunizza la gente dalla sofferenza e dalla paura.
Che provare a ballare da sobri è tutto un altro paio di maniche.
Che anche della generosità anonima si può abusare.
Che fare sesso con qualcuno per cui non provate nulla lascia una sensazione di solitudine maggiore che non farlo affatto, dopo.
Che è consentito volere.
Che tutti sono identici nella segreta tacita convinzione di essere, in fondo, diversi dagli altri. Che questo non è necessariamente perverso.
Che è possibile che gli angeli esistano, però ci sono persone che potrebbero essere angeli.

DAVID FOSTER WALLACE

_Infinite Jest_

#G7 #GenderEquality #PariOpportunità : una citazione di #KateNash

g7 Kate Nash

“Femminismo non è una parolaccia. Non significa che odi gli uomini, non significa che odi le ragazze con abbronzatura e gambe perfette, e non significa che sei lesbica né che sei una stronza. Significa che credi nelle pari opportunità.”

Kate Nash*

 

*Kate Nash è una brillante cantautrice britannica, conosciuta anche per il ruolo di Rhonda Richardson nella serie originale Netflix GLOW (tra le più interessanti del 2017).

Nel video You Tube il suo singolo del 2007 THE NICEST THING

 

#MZP ❤ #Equality

#DavidLynch alla Festa del Cinema di Roma. Storia di una breve domanda. #mzp

“Ogni puntata della terza stagione di Twin Peaks termina con una performance musicale. Oltre a David Bowie e Angelo Badalamenti, ci sono altri musicisti di riferimento per il tuo cinema, che vorresti nei tuoi prossimi progetti?”

Questa (in inglese e con troppa emozione) è la domanda che ho rivolto a David Lynch alla Festa del Cinema di Roma.

DAVID LYNCH:  Chrysta Bell è una cantante. La cosa straordinaria dei musicisti e i cantanti, in realtà soprattutto i cantanti, è che sono così abituati a esibirsi in pubblico. Per questo non hanno alcun genere di paura. Molti di loro possono essere attori grandiosi.”

 

Fatalmente, CHRYSTA BELL non è altri che la splendida Agente Speciale Tamara Preston nella terza stagione di TWIN PEAKS (2017).

Per la sua carriera di cantautrice, performer e musa, ecco 2 video firmati Chrysta Bell & David Lynch:

BACK SEAT (tratto dall’EP “Somewhere in the Nowhere”, 2016)

e ALL THE THINGS (2014):

 

 

#7Novembre: ALBERT CAMUS (Il mito di Sisifo)

“In un universo subitamente spogliato di illusioni e di luci l’uomo si sente un estraneo. Persuaso dell’origine esclusivamente umana di tutto ciò che è umano, cieco che desidera vedere e che sa che la notte non ha fine, egli è sempre in cammino.”

ALBERT CAMUS, IL MITO DI SISIFO, 1942

camus

Albert Camus, autore de Lo straniero, La caduta, La peste e il Mito di Sisifo (Saggio sull’assurdo) nasceva il #7Novembre del 1913.

#MZP

 

(*immagine da Pinterest) 

#29Ottobre. David Lynch

LYNCH abstractions

“La via è piena di astrazioni, e l’unico modo per comprenderla è passare attraverso l’intuizione.”

DAVID LYNCH

 

#buonadomenica

#mzp #thelovingmemory

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: